Il Duomo di San Martino si trova a Piove di Sacco.  in pieno centro.

La chiesa arcipretale ha subito vari mutamenti dal Quattrocento in poi, fino al radicale rinnovamento del secolo scorso progettato dall’ingegnere Francesco Gasparini che prolungò l’edificio e ne invertì l’orientamento, allargandolo con le due navate laterali e conferendogli una più accentuata verticalità. I lavori iniziati nel 1893 furono completati nel dicembre del 1903 per la parte muraria e nel 1908 con l’incardinamento della porta maggiore. Nel frattempo, con una bolla del 9 maggio 1901, papa Leone XIII l’aveva elevata ad abbaziale. San Martino è raffigurato nel duomo di Piove di Sacco, intitolato al vescovo di Tours, in un dipinto collocato nel presbiterio ed eseguito nel 1532 da Giovanni Pietro Silvio. Il santo è ritratto seduto in trono e affiancato dagli apostoli Pietro e Paolo. La pala riprende lo schema cinquecentesco della sacra conversazione: i personaggi sono riuniti all’interno di una struttura architettonica di cui si intravedono le colonne, aperta sul paesaggio circostante. Nella parete destra della navata si può ammirare la bella pala d’altare, in cui spiccano il rosso del vestito e il blu cobalto del mantello della Vergine, raffigurante la Madonna del Carmine con Gesù bambino tra santa Caterina d’Alessandria e san Michele arcangelo (foto a sinistra). L’opera fu eseguita da Giambattista Tiepolo tra 1737 e 1738 per la confraternita del Carmine che la collocò sul proprio altare.

Alla chiusura della confraternita, la tela venne rimossa, sostituita con una scultura raffigurante la Pietà e custodita nella soffitta della canonica fino al 1896. In quello stesso anno la tela venne restaurata e riportata sull’altare della Madonna del Carmine, dove tuttora si trova. È stata oggetto di restauro anche nel 1960 e nel 1995. In sacrestia è conservato un gruppo scultoreo in legno intagliato riferibile a bottega padovana del Cinquecento. Raffigura la Cena in Emmaus. La chiesa possiede un organo costruito da G.Callido nel 1774 (op.99), successivamente ampliato dai fratelli De Giacobbi (1852), da D.Malvestio (1919), dai Flli.Ruffatti (1943) e da G.Ruffatti(1976, progetto di Wolfango dalla Vecchia).

La consolle è a trasmissione elettrica con due tastiere, pedaliera e 55 registri. Attualmente il grande strumento necessita di un accurato restauro. Nel mese di ottobre del 2015 sono stati rinvenuti in tre altari minori diciotto reliquiari risalenti al XVII secolo in legno e vetro contenenti frammenti di osso di san Fermo, san Pio, san Costantino e di altri santi non ancora identificati.

Di particolare interesse il nuovissimo Museo Paradiso e la Chiesuola antistante (Oratorio di Santa Maria de’ Penitenti)

Indirizzo

Indirizzo:

Piazza Incoronata Piove di Sacco

GPS:

45.2965005, 12.034749799999986

Email:

-

Contatta per maggiori informazioni
#Portamiqui (Suggerisci itinerario)

Orari di Apertura

Lunedì

07.30 - 12.30

Martedì

07.30 - 12.30

Mercoledì

07.30 - 12.30

Giovedì

07.30 - 12.30

Venerdì

07.30 - 19.00

Sabato

07.30 - 19.00

Domenica

07.30 - 19.00

Il Duomo è aperto in prossimità delle funzioni religiose.

Lascia una recensione

Solo gli utenti registrati possono inserire delle Recensioni / Commenti